Diario di bordo

Oscillando

Dovrebbero fare una legge.

Una legge che imponga a tutti coloro che vogliono avere figli a fare un corso di trapezio.

Non sono trapezista, magari lo fossi, eppure oggi nella mia testa si è formata esattamente la stessa immagine.

Il giusto esempio non sono le montagne russe, ma il trapezio.

Le montagne russe hanno un inizio e una fine. L’oscillazione sul trapezio può andare avanti all’infinito e l’unico sforzo necessario è il tuo.

E una mamma fa questo, oscilla continuamente con le sole proprie forze.

Perché gli altri possono darti tutto l’aiuto, ma quello che proviamo lo sappiamo solo noi.

E se siete mamme sapete che non è una frase scontata.

Quante volte mi sono sentita sola in mezzo alla gente?

Infinite.

Non conto più le volte in cui mi sono sentita persa e senza speranza, delusa da tutto, o meglio da come tutto stava andando.

Questi momenti esistono.

Negarli non serve a niente

Negarli è una follia.

Bisogna imparare a farsi attraversare da loro, come una tempesta che passa, rompe qualcosa, crepa qualche vetro e lascia un po’ di sereno.

Ti fa capire alcune cose, dimenticare altre e riporta l’equilibrio.

E quando va tutto male, la sensazione è la stessa che penso si abbia su un trapezio.

Quel senso continuo di cadere, cadere, cadere… senza riuscire a trovare l’equilibrio necessario a fermarsi.

Oggi mi sono sentita intrappolata in un momento.

Un momento che sembrava una bolla da cui non riuscivo ad uscire.

Continuavo a provare, mi sforzavo, ma niente.

Tutto inutile, continuavo a scivolare verso il basso e ad un certo punto mi sono detta, prima o poi finirà, l’oscillazione cambia e ricomincio a salire.

Perché la salita è faticosa, ma è senz’altro meglio di quel continuo senso di impotenza che provi durante la discesa, in cui sai che non puoi fare niente per fermarti ma solo continuare a scendere fino a quando l’oscillazione si inverte.

A allora la fatica fa quasi piacere, perché almeno puoi darti da fare.

Oggi è stata una giornata faticosa per tutti e siamo stati anche un po’ equilibristi.

Probabilmente domani camminerò sul filo, meno fatica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...