L'angolo beauty · Uncategorized

Che cos’è il COWASH

Per chi ha i ricci, la ricerca del prodotto perfetto non finisce mai.

E anche quando pensi di aver trovato la perfezione, molto spesso non sai che in realtà si può sempre migliorare.

A volte, però, non è tanto il prodotto a non andare bene per noi, quanto proprio il metodo utilizzato.

Ho sentito spesso parlare di cowash ma non sapevo di cosa si trattasse realmente.

Poi un giorno, per puro caso, ho visto un prodotto in uno shop online ecobio e alcune recensioni mi sono saltate all’occhio: “finalmente riesco a lavare i miei ricci senza seccarli…” “da quando l’ho scoperto i miei ricci sono molto più definiti…”

Come spesso accade questo, più di molte altre pubblicità, mi ha spinto a dare una possibilità al metodo cowash e quindi decisi di provare.

Cosa significa COWASH?

Letteralmente significa: Conditioner Only Wash, acronimizzato – come amano fare gli americani – in cowash. Praticamente si lavano i capelli con il balsamo.

Lo so, lo so, state già pensando che lavarsi i capelli con il balsamo sia un disastro perché il mondo del beauty da sempre ti dice che il balsamo si mette solo sulle lunghezze e mai, mai, mai alla radice.

Ma il principio è diverso.

Concedetemi una breve digressione.

Il cuoio capelluto produce sebo che, nella giusta quantità, tiene i capelli idratati e, un capello idratato, è anche un capello bello, sano e lucido.

Quando il sebo è troppo, perché il cuoio capelluto ne produce troppo o trascorsi diversi giorni dal lavaggio, i capelli diventano troppo grassi e quindi, sporchi.

Il sebo però nella giusta misura è necessario al capello e deve esserci ma, purtroppo, gli shampoo comunemente in commercio, pieni di solfati che creano la famosa schiuma che tanto amiamo, sono troppo aggressivi sul cuoio capelluto, un po’ come usare lo sgrassatore come sapone per le mani. Il cuoio capelluto, in risposta, cerca di proteggersi iniziando a produrre più sebo, e spesso provocando prurito, bruciore e comunque una sensazione di fastidio alla testa. E qui si innesta quel circolo vizioso pessimo per cui i capelli si ingrassano, noi li laviamo, li sgrassiamo e li prosciughiamo ben bene, il giorno dopo o due al massimo ricomincia il tutto e via.

In pratica il lavaggio secca il capello e rende tutte le fatiche ed i trattamenti che facciamo pari a zero nel momento in cui andiamo a rilavare i capelli con questi shampoo aggressivi, come Penelope, tessiamo la tela e la disfiamo ogni volta.

Ma tutto questo non significa che i capelli non vadano lavati, anzi!

I capelli vanno lavati e bene, ma con prodotti che li puliscano con dolcezza, senza intaccare le fibre capillari e senza aggredire il cuoio capelluto.

E qui entra in gioco il cowash, che permette di lavare il capello per affinità attraverso gli oli tipici dei balsami i quali, se ben dosati, inglobano lo sporco ed i residui dello styling e lo portano via, lasciando i capelli puliti ma molto meno “rinsecchiti”!

Ovviamente è necessario utilizzare balsami che siano il più possibile naturali, senza troppe “schifezze” e ancora meglio se bio.

Secondo la mia esperienza i balsami sono meglio delle maschere perché essendo più fluidi si riescono a massaggiare bene sul cuoio capelluto e lo puliscono meglio.

Come si fa il COWASH.

Ecco un’idea di come procedere. Bagnate bene i capelli, assicurandovi che siano ben bagnati anche sotto. A questo punto iniziate distribuendo un po’ di prodotto nella parte frontale e massaggiate bene alla radice. Spesso io a questo punto faccio scorrere ancora poca acqua sulla testa così che il primo balsamo inizia a penetrare nei capelli e renda più semplice il massaggio.

Procedete dividendo la testa in cinque parti immaginarie e usando poco prodotto per volta massaggiate bene il balsamo prima davanti, poi ai lati, poi sotto la nuca e poi sopra. Concedetevi un bel massaggio di almeno 2/3 minuti e lavorate sulle radici, senza pensare alle lunghezze se non proprio alla fine. A questo punto risciacquate bene con acqua e controllate. Di solito i capelli sono puliti e non hanno bisogno di un altro lavaggio.

E c’è di più, se avete i capelli lisci, fini o comunque che tendono ad ingrassare facilmente potreste non aver nemmeno bisogno di applicare successivamente il balsamo quindi in realtà il tutto diventa molto più rapido!

Se la cosa vi ha incuriosito provate a dargli una possibilità. Provate con un buon balsamo il più naturale possibile, ce ne sono molti ottimi anche al supermercato, di seguito vi lascio alcune possibili referenze (non sono sponsorizzazioni, solo prodotti che conosco e apprezzo):

  • tutta la linea di balsami Omia Laboratories
  • la nuova linea Antica Erboristeria trattamenti 3 in 1, 97,5% naturali
  • i balsami della linea ecobio de I Provenzali

Non abbiate paura, al massimo potrete riutilizzare il balsamo nella modalità classica!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...